ARTROSI DELLA SPALLA

ARTROSI DELLA SPALLA

Dott. Eugenio Cesari, Chirurgo Ortopedico della spalla e del gomito. Responsabile UO Ortopedia e Traumatologia Humanitas Gavazzeni Bergamo.

Dott. Eugenio Cesari

Benvenuto nella mia sezione sull’artrosi della spalla. Come chirurgo ortopedico specialista della spalla, ho dedicato più di 15 anni della mia carriera a migliorare la qualità della vita delle persone affette da problematiche degenerative e post-traumatiche della spalla e del gomito, inclusa l’artrosi. In questa pagina, esploreremo in dettaglio questa condizione, dai sintomi e cause alla gestione e prevenzione efficace. Il mio obiettivo è fornire informazioni chiare e pratiche che ti aiuteranno a prenderti cura della tua salute della spalla in maniera più attenta e ad adottare nuove abitudini positive per ridurre il dolore.

Lo sapevi che?

Secondo l’Agenzia Europea per l’Ambiente (EEA), l’artrosi è una delle principali cause di disabilità cronica nell’Unione Europea, con oltre 60 milioni di persone colpite. Sebbene i dati specifici sull’artrosi della spalla siano limitati, uno studio condotto dall’Istituto Europeo di Statistica ha evidenziato un aumento del 20% dei casi di artrosi in generale negli ultimi dieci anni in Europa

Cos’è l’artrosi della spalla (o di spalla) ?

L’artrosi della spalla (o di spalla), nota anche come artrosi gleno-omerale, è una condizione degenerativa delle articolazioni che colpisce la cartilagine articolare e le strutture circostanti. Può causare dolore, rigidità e limitazione dei movimenti, influenzando significativamente la qualità della vita del paziente.

Sebbene la spalla possa essere un’ articolazione particolarmente vulnerabile a questa condizione a causa della sua ampia gamma di movimento e del carico costante a cui è sottoposta, ci sono altre articolazioni che sono colpite più frequentemente, ad esempio ginocchia, anca e colonna vertebrale.

Questo disturbo non riguarda solo gli anziani: recenti ricerche indicano un aumento dell’incidenza anche nei giovani atleti a causa di traumi sportivi. Ad esempio, uno studio del 2023 pubblicato su Sports Health ha evidenziato che il 15% degli atleti con meno di 40 anni ha mostrato segni di artrosi della spalla.

Questo sottolinea l’importanza di comprendere tutte le caratteristiche dell’artrosi della spalla per poter affrontare la condizione in modo efficace a tutte le età, con un’ impronta preventiva.

Sintomi dell'Artrosi della Spalla: come riconoscerli e interpretarli

I sintomi dell’artrosi della spalla possono variare da persona a persona, ma spesso includono:

  • Dolore persistente nell’articolazione della spalla, specialmente durante
    i movimenti
    come sollevare o muovere il braccio.
  • Rigidità articolare
  • Perdita di flessibilità
  • Sensazione di scricchiolio o scroscio articolare durante il movimento.
  • Sensazione di pesantezza e di rapido affaticamento

È fondamentale riconoscere questi sintomi precocemente per poter intervenire tempestivamente.

L’artrosi della spalla può anche causare debolezza muscolare e instabilità articolare, il che può influire negativamente sulle attività basilari della vita quotidiana. La progressione della malattia può portare a limitazioni significative in movimenti che si ripetono tutti i giorni come vestirsi, pettinarsi e raggiungere oggetti sopra la testa.

Sintomi dell' Artrosi

artrosi spalla sintomi dott eugenio cesari copyright

Cause dell'Artrosi della Spalla: fattori di rischio e patologie associate

Le cause dell’artrosi della spalla possono essere molteplici e includono:

  • L’età avanzata
  • L’ artrite reumatoide
  • Traumi ripetuti, fratture o lussazioni
  • Rotture massive inveterate della cuffia dei rotatori
  • Predisposizione genetica
  • L’uso eccessivo dell’articolazione

Altri fattori di rischio possono comprendere l’obesità, l’attività fisica intensa e alcune condizioni mediche come l’artrite reumatoide, una malattia infiammatoria.

L’obesità, in particolare, è emersa come un fattore di rischio significativo: uno studio del 2021 pubblicato su Arthritis & Rheumatology ha scoperto che il rischio di sviluppare artrosi della spalla aumenta del 36% per ogni aumento di 5 kg/m² nell’indice di massa corporea.

Studi recenti hanno anche evidenziato il ruolo dell’infiammazione cronica nell’artrosi della spalla. Quest’ ultima può infatti contribuire alla degenerazione della cartilagine e all’aggravamento dei sintomi. Pertanto, comprendere le cause sottostanti è fondamentale per adottare misure preventive e gestire la condizione in modo efficace.

Diagnosi dell'Artrosi della Spalla: esami e test di imaging

La diagnosi dell’artrosi della spalla di solito inizia con una valutazione fisica e anamnestica accurata da parte di un medico specialista. Successivamente, possono essere eseguiti test di imaging come radiografie (RX), risonanza magnetica (RM) o TAC per confermare la diagnosi e valutare l’estensione del danno articolare.

Questi test aiutano a valutare lo stato delle articolazioni e delle strutture circostanti (la RM studia la componente musco-tendinea del cingolo scapolare e la TAC quella ossea), permettendo al medico di formulare una diagnosi precisa e di pianificare un piano di trattamento appropriato.

Nel caso di artriti su base infiammatoria come quelle reumatoidi sono utili anche specifici esami ematochimici.

È importante sottolineare che la diagnosi precoce è fondamentale per un intervento tempestivo. Anche se i sintomi possono essere lievi all’inizio, sottoporsi a una valutazione medica appena si avvertono le prime avvisaglie può prevenire il peggioramento della condizione.

RX artrosi della spalla

artroso spalla rx radiografia diagnosi dott eugenio cesari copyright

RMN Artrosi della spalla

artrosi della spalla risonanza magnetica artropatia da cuffia dei rotatori candidato a protesi inversa

TAC artrosi della spalla

Trattamento dell'Artrosi della Spalla: opzioni terapeutiche e gestione del dolore

Il trattamento dell’artrosi della spalla è mirato a ridurre il dolore, migliorare la funzionalità articolare e rallentare il progresso della malattia. Può includere una combinazione di terapie, tra le quali:

  • Antidolorifici, antinfiammatori e integratori
  • Fisioterapia e terapie fisiche
  • Infiltrazioni intra-articolari o acido ialuronico
  • Esercizi e Riabilitazione (anche in acqua)
  • Intervento chirurgico (artroscopia o protesi di spalla, a seconda della gravità dei sintomi e della risposta individuale al trattamento)

I farmaci antidolorifici e antinfiammatori, così come le terapie fisiche e le infiltrazioni possono aiutare a ridurre il dolore e l’infiammazione, mentre la fisioterapia e la riabilitazione possono contribuire a migliorare la forza muscolare e la mobilità articolare.

In alcuni casi più gravi, può essere necessario un intervento chirurgico per riparare o sostituire l’articolazione danneggiata. In quest’ ultimo caso è necessaria una protesi articolare anatomica emi o totale in leghe di titanio con la quale si sostituiscono le superfici articolari danneggiate irreversibilmente.

C’è da dire, tuttavia, che l’efficacia delle terapie varia da persona a persona. Ad esempio, uno studio del 2020 pubblicato su The Journal of Bone and Joint Surgery ha confrontato l’efficacia delle infiltrazioni intra-articolari di corticosteroidi con l’acido ialuronico, concludendo che entrambe le opzioni offrono un sollievo significativo dal dolore, ma con risultati migliori a lungo termine con l’acido ialuronico.

Altri Rimedi per alleviare i sintomi dell'artrosi della Spalla

Oltre ai trattamenti convenzionali sopra elencati, ci sono anche altri rimedi e strategie che possono aiutare ad alleviare i sintomi dell’artrosi della spalla. Questi possono includere terapie alternative come l’agopuntura o tipologie specifiche di massaggio terapeutico, l’uso di dispositivi di supporto come fasce o tutori, e l’adozione di cambiamenti nello stile di vita come una dieta equilibrata e l’esercizio regolare.

Rimedi e Terapie dell' Artrosi della spalla

rimedi terapia artrosi della spalla trattamento e gestione del dolore dott eugenio cesari copyright

Quando è consigliata la Protesi Inversa di Spalla in caso di Artrosi della Spalla?

In alcuni casi di artrosi grave della spalla, può essere consigliata la protesi inversa di spalla, in particolare:

  • Quando c’è una lesione irreparabile della cuffia dei rotatori dovuta a fratture pluriframmentarie dell’ estremo prossimale dell’ omero
  • Quando c’è un’ artropatia gleno-omerale
  • Quando la protesi totale anatomica della spalla convenzionalerischia di non essere efficace nel restaurare un’adeguata stabilità articolare

Le caratteristiche della protesi inversa di spalla consentono di evitare le elevate forze di taglio, spesso presenti con protesi convenzionali o protesi parziali, che a loro volta possono causare usura e mobilizzazione precoce dell’impianto.

Occorre sottolineare che la procedura chirurgica di protesi di spalla è consigliata soltanto quando i trattamenti conservativi non sono più efficaci nel gestire il dolore e il paziente ha una limitazione significativa della funzionalità della spalla. Il chirurgo ortopedico valuterà attentamente il paziente e deciderà se la protesi inversa di spalla è l’opzione migliore per il suo caso specifico.

Che cos'è e a cosa serve l' intervento chirurgico di Protesi di Spalla?

L’intervento chirurgico di protesi di spalla è un intervento chirurgico in cui l’articolazione della spalla danneggiata viene sostituita con un’articolazione artificiale. Durante l’operazione, il chirurgo rimuove le parti danneggiate dell’articolazione e sostituisce sia la testa dell’omero che la cavità glenoidea con componenti protesiche, appositamente progettati per migliorare la stabilità e la funzionalità dell’articolazione.

Questo intervento può aiutare a ripristinare la funzionalità della spalla e ridurre il dolore nei pazienti con artrosi grave della spalla, contribuendo al miglioramento della loro qualità di vita.

Ci Sono rischi o controindicazioni per l' intervento di protesi di spalla in caso di artrosi?

Come con qualsiasi intervento chirurgico, ci sono rischi associati all’intervento di protesi di spalla. Questi possono includere infezione, sanguinamento e danni ai nervi circostanti. Altri potenziali rischi possono includere la lussazione o il dislocamento della protesi, la rottura dei componenti protesici e la necessità di ulteriori interventi chirurgici in futuro. È importante discutere con il chirurgo ortopedico tutti i rischi e le controindicazioni potenziali prima di procedere con l’intervento.

Qualora l’articolazione operata diventasse lassa l’intervento potrà essere oggetto di una revisione a distanza di tempo. Questa è nella spalla un’evenienza sostanzialmente rara.

Riabilitazione dopo l’ intervento di protesi di spalla per artrosi

La riabilitazione dopo un intervento di protesi di spalla è fondamentale per il successo a lungo termine dell’intervento e dovrebbe includere, in maniera personalizzata e secondo un piano specifico:

  • Fisioterapia
  • Terapia fisica
  • Esercizi guidati di mobilizzazione articolare


In generale, il processo riabilitativo inizia poco dopo l’intervento, dopo che la spalla sarà fatta riposare su un apposito tutore per il tempo necessario alla cicatrizzazione di tendini e muscoli. La riabilitazione può durare diversi mesi. Durante questo periodo, il paziente lavorerà prima sulla riabilitazione passiva e poi su quella attiva con un fisioterapista, allo scopo di ripristinare la forza, la mobilità e la funzionalità della spalla

Sarà importante mantenere la costanza degli esercizi di mobilizzazione e rinforzo anche a casa. Seguire attentamente le indicazioni del fisioterapista, supervisionate dal chirurgo ortopedico è fondamentale per ottimizzare i risultati e prevenire complicazioni.

riabilitazione artrosi della spalla post intervento protesi di spalla dott eugenio cesari copyright

Tempi di recupero dopo l'Intervento di Protesi di spalla per artrosi

I tempi di recupero possono variare da persona a persona e dipendono dalla gravità dell’artrosi preesistente, dall’estensione dell’intervento chirurgico e dalla risposta individuale del paziente alla riabilitazione.

In generale, si può prevedere un periodo di riabilitazione di cinque-sei mesi, durante il quale il paziente gradualmente riprenderà le normali attività quotidiane e avrà un miglioramento graduale della funzionalità articolare.

Dopo tale periodo un ulteriore recupero di funzionalità potrà essere solo modesto, anche se è stato dimostrato che se sono stati riscontrati incrementi di mobilità e forza fino ad un anno dall’operazione alla spalla.

A tale scopo è molto importante continuare un appropriato programma riabilitativo personalizzato sulla base della tipologia di intervento effettuato.

Approccio preventivo all'Artrosi della Spalla: consigli per prevenire il peggioramento della condizione

Una componente fondamentale nella gestione dell’artrosi della spalla è l’adozione di un approccio preventivo. Ciò può includere:

  • Mantenere un peso corporeo sano (Una ricerca del 2023 condotta presso l’Università di Stanford ha dimostrato che il mantenimento di un peso corporeo sano e l’esercizio regolare possono ridurre del 25% il rischio di sviluppare artrosi della spalla)
  • Evitare movimenti ripetitivi eccessivi
  • Praticare attività fisica regolare e seguire una dieta equilibrata.

Inoltre, è importante prestare attenzione ai segnali precoci della condizione e cercare assistenza medica tempestiva per una diagnosi e un trattamento precoce.

È importante educare i pazienti sull’importanza di uno stile di vita sano e dell’autogestione della salute articolare. L’adozione di abitudini di vita sane può non solo prevenire il peggioramento dell’artrosi della spalla, ma anche migliorare la qualità generale della vita.

Prospettive future e conclusioni sull' artrosi della spalla

Le prospettive future per la gestione dell’artrosi della spalla in Europa includono una maggiore integrazione di approcci preventivi e terapeutici personalizzati.

L’uso di tecnologie innovative, come la telemedicina e la terapia genica, potrebbe migliorare l’accessibilità e l’efficacia delle cure. Inoltre, l’adozione di politiche sanitarie volte a promuovere uno stile di vita attivo e la prevenzione delle lesioni potrebbe ridurre l’incidenza di questa patologia.

L’artrosi della spalla rappresenta una sfida crescente per i sistemi sanitari europei, ma con una migliore comprensione delle sue cause, l’implementazione di approcci terapeutici mirati e l’adozione di strategie preventive, è possibile migliorare la gestione di questa condizione debilitante e migliorare la qualità della vita dei pazienti in tutta Europa.

FAQ e domande sull' artrosi della spalla

Il trattamento dell’artrosi della spalla può includere terapie farmacologiche, fisioterapia, terapie infiltrative e interventi chirurgici, a seconda della gravità dei sintomi.

I sintomi comuni includono dolore persistente, rigidità articolare, perdita di flessibilità e sensazione di scricchiolio durante il movimento.

È consigliabile consultare un medico specialista per una diagnosi accurata e un piano di trattamento personalizzato, che può includere terapie farmacologiche, fisioterapia o interventi chirurgici.

L’artrosi della spalla può causare dolore, rigidità articolare, perdita di mobilità e limitazione delle attività quotidiane

Tra i fattori che possono peggiorare l’artrosi della spalla ci sono il sovrappeso, l’attività fisica intensa, i movimenti ripetitivi e l’inattività.

Non esiste una cura definitiva per l’artrosi della spalla, ma il trattamento mira a ridurre i sintomi, migliorare la funzionalità e rallentare il progresso della malattia.

Se non trattata, l’artrosi della spalla può peggiorare nel tempo, causando maggiori limitazioni funzionali e dolore cronico.

La differenza tra artrosi e artrite della spalla può essere stabilita attraverso esami clinici e test di imaging, che evidenzieranno le caratteristiche specifiche della condizione.

La fisioterapia per l’artrosi della spalla può includere esercizi di rinforzo muscolare, stretching, mobilizzazione articolare e tecniche di rieducazione posturale.

In genere, l’applicazione di ghiaccio può ridurre l’infiammazione e il dolore acuto, mentre il calore può contribuire a rilassare i muscoli e migliorare la flessibilità.

Alcuni alimenti che possono favorire la salute delle articolazioni includono pesci ricchi di omega-3, frutta e verdura colorata, noci e semi, e alimenti ricchi di vitamina C e antiossidanti

Integratori come la glucosamina e la condroitina possono essere utilizzati per supportare la salute delle articolazioni e rinforzare la cartilagine.

La vitamina D è essenziale per la salute delle articolazioni e può contribuire a ridurre i dolori articolari.

Alcuni studi suggeriscono che integratori come la glucosamina e la condroitina possono contribuire alla rigenerazione della cartilagine nelle articolazioni.

Mantenere un peso corporeo sano, praticare regolarmente attività fisica, evitare movimenti ripetitivi eccessivi e seguire una dieta equilibrata possono aiutare a lubrificare le articolazioni e migliorare la loro salute complessiva.

CONTATTAMI E PRENOTA LA TUA VISITA OGGI!

Hai bisogno di uno specialista delle patologie della spalla e del gomito?

Compila il form nella sezione contatti per prenotare una visita nello studio medico più vicino a te.